Musica- GLi U2 con gli Eagles of Death Metal tornano a suonare a Parigi

 

 Dopo i tragici avvenimenti del 13 novembre 2015, gli U2 hanno “recuperato” la data, saltata a causa dei purtroppo noti avvenimenti. Con loro il gruppo degli Eagles of Death Metal, che hanno vissuto in prima persona la tragedia, riuscendo fortunatamente a salvarsi.

Momento intenso del concerto, che potrete rivivere grazie a questo video pubblicato su youtube.

Sicurezza Informatica: come difendersi da Cryptolocker

sicurezza-informatica
P
urtroppo, se un giorno vi accorgeste che i vostri file di word excel e pdf, invece della tipica icona, avessero uno spazio vuoto, allora potreste avere a che fare, purtroppo con Cryptolocker….

 

La criptazione in se non è un virus, ma un sistema di protezione dei dati, che quando fatto di propria volontà, rappresenta una barriera supersicura, per proteggere i vostri dati personali,  anche perche scegliete voi la superpassword, che vi proteggerà.

Il problema è:

  1. quando la sceglie un altro al posto vostro;
  2. inizia il processo rendendo di fatto, I VOSTRI FILE, inutilizzabili;
  3. alla fine si complimenta pure perchè ha finito il processo di criptatura dei file;
  4. si, però se li rivolete, dovete dargli SOLDI!

In giro, in rete si trovano pseudo-soluzioni, però ahime non molto funzionanti, o addirittura con dei link che pero nel frattempo sono stati eliminati, o ancora, trattasi di soluzioni per versioni di crypto di diversi anni fa, e per tanto non validi per le versioni ultime di questo “virus-programma”.

Una delle domande che mi si rivolge spesso è: “Ma non ho fatto nulla, come mai è entrato?”

Sul “non ho fatto nulla”… parliamone… purtroppo forse non di vostra volontà, magari manco ve ne siete accorti, quando avete cliccato su quel banner che pubblicizzava un sedicente programma che velocizzava il vostro computer, o che essendo il milionesimo cliente vi regalava un iphone, o purtroppo se avete creduto alla vincita di una lotteria via mail, o temendo guai, avete aperto una mail dalla sedicente Equitalia, che pero’ non era lei…

E patatrack, il programma di Cryptatura è bello avviato, magari con un antivirus a pagamento qualcosa si poteva fare, ma visto che si spende piu volentieri 30 euro per una pizza che per un antivirus professionale….

E allora cosa fare? Se vi accorgete sulle prime battute, che i vostri file si stanno man mano “sbiancando”, e al posto delle classiche icone di word excel e pdf, vedete una icona bianca, e il file rinominato “.ccc” “.cry” o altro….

DOVETE IMMEDIATAMENTE SPEGNERE IL COMPUTER, E NON TOCCARLO PIU'”

Ogni secondo che passa è un file che muore, i piu fortunati son riusciti a salvarsi perche hanno spento il pc immediatamente. Con un nuovo hard disk, installazione pulita di windows, e riversamento dati dall’altro hard disk ormai attaccato da crypto, ritornate in possesso di una parte di dati.

Ma come difendersi da crypto? Un trucco sta.

Esaminiamo come lavora Crypto. Appena entra in azione,  cryptolocker esamina l’hard disk locale, e in ordine alfabetico comincia a criptare le cartelle. Chi ha una cartella dati nel C: purtroppo corre seri rischi che perda i suoi dati, mettiamo che la cartella si chiami “Dati Ufficio”, considerando che con la A B C non saranno molte le cartelle, allora la vostra amata cartella dati sarà ben presto attaccata. Come sfruttare allora questa caratteristica?

Mettete la vostra cartella dati magari o sul Desktop o nella cartella documenti, poi per salvarvi da Crypto, dovete offrirgli prima un “intrattieni”, ovvero una cartella con cui fargli perder tempo, sperando che ve ne accorgiate in tempo. Allora create una cartella sul C:, che si chiami con iniziale A, Astudio, Adati, quello che desiderate, e poi imbottitelo di file word excel pdf che non vi servono, (o magari decine di copie dello stesso file, o la copia dei dati),

in questo modo prima di arrivare alla vostra vera cartella, ne perderà di tempo, e magari voi vi accorgerete della sua presenza. Ma quali sono i segnali di presenza di Crypto?

SEGNALI DI PRESENZA DI CRYPTOLOCKER

  1. spia dell’hard disk in costante attività, anche se non fate nulla;
  2. trucchetto: mettete un file di word, che non vi serve, basta anche un file con la scritta Test e poi salvatela nella cartella principale di C:\ e controllate sempre che ci sia l’icona di word su quel file, magari vi fate un collegamento sul desktop di quel file, e ogni tanto controllate che l’icona word sia sempre ben visibile.
  3. lo so, è scocciante, ma nelle pause un controllo di 10 secondi , per stare piu tranquilli ne val la pena…
  4. FATE TANTI MA TANTI MA TANTI, BACKUP, copiate i vostri dati anche giornalmente, su hard disk esterni
  5. importante, i dischi esterni non lasciateli collegati, o crypto attaccherà anche quelli…

 

Molta attenzione  perchè se entra nel computer, produrrà gravi danni.

Th3D3f4ult

 

Web: Cosa fa Speedtest

E qui una spiegazione molto accurata di quello che Speedtest puo’ dirvi, occhio pero’ agli sponsor che troverete nella pagina di Speedtest, (non del link dell’articolo)

 

http://www.ottimizzazione-pc.it/come-misurare-la-velocita-della-connessione-con-speedtest-net/

Web: Siti e-commerce: miti e favole metropolitane

ecom

Con la crisi, una delle frasi più ricorrenti è: “Non possiamo aprire un sito di vendite on-line? Va cosi di moda, ho visto che quel sito ha una marea di vendite, e un amico mio ha detto che ormai è seduto in poltrona aspettando solo di incassare. Mi apro un sito e-commerce!”.

E di altre corbellerie dette, ce ne sarebbero ancora, ma fermiamoci qui.

Intanto non voglio dire che un sito e-commerce sia inutile, che non si venda, assolutamente no, però purtroppo, la maggior parte pensa che con pochi investimenti riuscirà a fare soldi stando in poltrona….

  1. “sito e-commerce, magari un free o magari vabe’ dai la 100 euro posso pure spenderla…”
  2. “che ci vuole a caricare un articolo, un copia e incolla dal mio gestionale…”
  3. “appena uno cerca “mozzarella”, io che ho la migliore, devo comparire subito al primo posto, e ci devo stare sempre io”
  4. “io in poltrona aspetto solo che mi paghino, tramite carta di credito…”

Se vivessi ai tempi di Adamo ed Eva, be forse si, potrebbe pure accadere…

Mi spiace dirlo, ma le cose non stanno proprio cosi. Se vuoi un e-commerce serio, intanto bisogna realizzarlo con strumenti professionali, che ti cautelino da attacchi di hacker, che gestiscano le transazioni finanziarie in sicurezza, visto che sul tuo sito transiteranno numeri di carta di credito e pin relativi, hosting serio che non vada in tilt, interfaccia accattivante. E tutto questo non è free…

Ma una volta fatto, hai poi delle persone che giornalmente possano seguirlo? A parte il caricamento degli articoli, che, pagando a parte, te lo può fare sempre chi ti realizza il sito, ma dopo, devi avere del personale all’interno della tua azienda che lo seguano, per le promozioni, le variazioni, le offerte, per seguire gli ordini ed eseguire eventuali spedizioni! La merce venduta non esce da sola…

Ecco. La merce venduta. Davvero speri che sia finito? Ora che hai un e-commerce tecnicamente valido, arriva il bello.

Veramente non crederai che il giorno dopo, scrivendo il nome del tuo prodotto, risulterai il primo della lista…

Ti faccio un esempio: se vendi smartphone, per esempio gli iPhone, se su google metti iPhone, ti rispondera che ci sono circa 589 milioni di pagine che lo contengono, hai 1/589000000 di possibilità….

Se mettono il tuo nome allora hai qualche possibilità in più, ma lo conoscono il tuo nome?

No, e quindi come vedi, non è finita. Oltre a tutto quello che ti ho detto, devi prevedere costi anche per indicizzazione del sito (famigerato SEO), campagne pubblicitarie su Google, Facebook e quant’altro, e non solo una volta, ma ciclicamente.

In definitiva, il sito e-commerce richiede capitali e impegno, la sicurezza che ti dia frutti non è data, ma aprirsi un e-commerce senza questi passaggi, è assolutamente inutile.