Web: Siti e-commerce: miti e favole metropolitane

ecom

Con la crisi, una delle frasi più ricorrenti è: “Non possiamo aprire un sito di vendite on-line? Va cosi di moda, ho visto che quel sito ha una marea di vendite, e un amico mio ha detto che ormai è seduto in poltrona aspettando solo di incassare. Mi apro un sito e-commerce!”.

E di altre corbellerie dette, ce ne sarebbero ancora, ma fermiamoci qui.

Intanto non voglio dire che un sito e-commerce sia inutile, che non si venda, assolutamente no, però purtroppo, la maggior parte pensa che con pochi investimenti riuscirà a fare soldi stando in poltrona….

  1. “sito e-commerce, magari un free o magari vabe’ dai la 100 euro posso pure spenderla…”
  2. “che ci vuole a caricare un articolo, un copia e incolla dal mio gestionale…”
  3. “appena uno cerca “mozzarella”, io che ho la migliore, devo comparire subito al primo posto, e ci devo stare sempre io”
  4. “io in poltrona aspetto solo che mi paghino, tramite carta di credito…”

Se vivessi ai tempi di Adamo ed Eva, be forse si, potrebbe pure accadere…

Mi spiace dirlo, ma le cose non stanno proprio cosi. Se vuoi un e-commerce serio, intanto bisogna realizzarlo con strumenti professionali, che ti cautelino da attacchi di hacker, che gestiscano le transazioni finanziarie in sicurezza, visto che sul tuo sito transiteranno numeri di carta di credito e pin relativi, hosting serio che non vada in tilt, interfaccia accattivante. E tutto questo non è free…

Ma una volta fatto, hai poi delle persone che giornalmente possano seguirlo? A parte il caricamento degli articoli, che, pagando a parte, te lo può fare sempre chi ti realizza il sito, ma dopo, devi avere del personale all’interno della tua azienda che lo seguano, per le promozioni, le variazioni, le offerte, per seguire gli ordini ed eseguire eventuali spedizioni! La merce venduta non esce da sola…

Ecco. La merce venduta. Davvero speri che sia finito? Ora che hai un e-commerce tecnicamente valido, arriva il bello.

Veramente non crederai che il giorno dopo, scrivendo il nome del tuo prodotto, risulterai il primo della lista…

Ti faccio un esempio: se vendi smartphone, per esempio gli iPhone, se su google metti iPhone, ti rispondera che ci sono circa 589 milioni di pagine che lo contengono, hai 1/589000000 di possibilità….

Se mettono il tuo nome allora hai qualche possibilità in più, ma lo conoscono il tuo nome?

No, e quindi come vedi, non è finita. Oltre a tutto quello che ti ho detto, devi prevedere costi anche per indicizzazione del sito (famigerato SEO), campagne pubblicitarie su Google, Facebook e quant’altro, e non solo una volta, ma ciclicamente.

In definitiva, il sito e-commerce richiede capitali e impegno, la sicurezza che ti dia frutti non è data, ma aprirsi un e-commerce senza questi passaggi, è assolutamente inutile.

 

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *